giovedì 14 marzo 2013

Fricassea di verdure per "Una ricetta insieme a Maffo"

Ho aderito alla proposta lanciata sia su Face Book che su Coquinaria da Lasuafra, al secolo Francesca:

" Per ricordare la nostra amica Serena nel suo regno: la cucina! 
Scegliamo una ricetta del suo blog polpettaperfetta.blogspot.it  e pubblichiamola"

Serena era molto brava, piena di entusiasmo e fantasia, una ragazza vulcanica.
Leggendo i post del suo blog i ricordi mi si sono affollati alla mente e l'emozione mi ha offuscato la vista più volte, non posso ancora accettare questa sua improvvisa dipartita.
Tra ricette golose, commenti e confidenze sono arrivata in fondo al suo blog con la voglia di ripetere tutto quello che lei proponeva, ma io sono a dieta e tutti quei dolci, quelle crostate speciali che avrei voluto provare non posso mangiarli.
Ho trovato però la "Fricassea di verdure" che poteva fare al caso mio... vista e cucinata.
Ho sostituito le patate con la zucca perché mi sono accorta tardi di esserne sprovvista ed ho pensato di appoggiare le verdure dentro ad una cialda di parmigiano reggiano, gustosa e friabile, che ha completato il piatto e la mia cena.


Fricassea di verdure di Maffo


Ricetta di Serena/Maffo copiata dal suo blog La Polpetta Perfetta 

Che non è una fricassea.
Forse un fricandò.

Forse una ratatouille.
Forse solo verdure al forno.


Io l'ho sempre chiamata così, però, e i miei neuroncini non accettano modifiche, conservatori quali sono.
Farla è semplicissimo, solo due accortezze: prepararla il giorno prima e non conservarla in frigo.
Io la vedo molto molto bene su una tavola d'estate, al mare, quando il tempo per cucinare è sempre poco e il mangiare quasi superfluo.

Fricassea di verdure

per una teglia grande:
due zucchine 
una melanzana grande o due piccole
due peperoni gialli
una manciata di pomodorini rossi
due cipolle rosse
due patate piccole
sale 
pepe
pangrattato
olio d'oliva
Si tagliano tutte le verdure a tocchetti non troppo grandi oppure a rondelle.
Si mettono nella teglia e si mescolano (anche con le mani, è più comodo) dopo averle abbondamente spolverate di pangrattato e un paio di giri d'olio, più sale e un pizzico di pepe.
Ancora pangrattato, olio, sale e pepe e ancora rimescolata.
L'olio non deve essere troppo, giusto un giro.
Vanno messe in forno a 180°, sul ripiano non troppo alto, e lasciate lì per un bel pò, almeno un'oretta.
Dopo circa mezz'ora, tirarle fuori, cospargerle di pangrattato, pochissimo olio e rimescolare e rimetterle al forno finchè non si sono cotte tutte uniformemente e si è formata una sorta di crosticina-gratinatura sopra.
Si tirano fuori dal forno e si fanno freddare.
E, come dicevo prima, si mangiano il giorno dopo.
Piatto unico.

Grazie Maffo! 

12 commenti:

  1. bellissima iniziativa quella di ricordare Serena con le sue ricette!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un po' come stare ancora con lei.
      Un abbraccione Chiara

      Elimina
  2. Bellissima iniziativa Bruna! Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Bel piatto di verdure!!complimenti Bruna!!! un salutone!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te cara Angelica,
      un abbraccio

      Elimina
  4. Bel pensiero Bruna e fricassea che fa venire l'acquolina in bocca!

    RispondiElimina
  5. Ciao Bruna, ho letto ciò che hai scritto su Serena. Pur non conoscendola mi sono molto dispiaciuta. In fondo, abbiamo tutte qualcosa in comune.
    A presto, Lorena di http://bricioledisapori.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Lorena, un abbraccio

      Elimina
  6. Mmmmh,io la vedo bene in ogni momento! Forse una cianfotta?
    Buon weekend.

    RispondiElimina

Gli utenti anonimi si rendano palesi per favore.
Commenti anonimi se non firmati verranno rimossi.
Commenti con link verso siti non verificabili verranno rimossi
Commenti con link e commerce verranno rimossi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...