martedì 31 ottobre 2017

Gnocchi di zucca con trombette dei morti... Per una Zucca da fiaba

La redazione del Calendario del Cibo Italiano, ci ha rivolto questa proposta:  "Il 31 Ottobre è la Giornata Nazionale della Zucca; come sappiamo tutti quello della zucca è un elemento che ricorre frequentemente oltre che in ambito culinario in ambito letterario quello legato alle fiabe, ai racconti e alla fantasia in generale. Per questo motivo abbiamo pensato che sarebbe bello tentare un qualcosa di nuovo e cioè provare un connubio tra i due mondi: ciò che vi chiediamo è di realizzare un piatto a vostra scelta, un piatto che sentite vostro, che abbia come protagonista la zucca e di dare vita partendo proprio da questo ad una fiaba o ad un racconto di vostra invenzione." 
Ci provo...

Dlindlon... dlindlon!!
Eccolo è lui, è arrivato! Entra canterellando dal cancello sulle scale con una borsa rigonfia e pesante.
- Ho saputo che volevi cucinarle, prova con queste!
E così come è arrivato se ne va canterellando, lasciandomi stupita con in mano una zucca ed un sacchetto di castagne.
Sicuramente lui è un discendente degli antichi folletti che, assieme a gnomi, fate, streghe e maghi, popolavano i boschi della Val Bregaglia centinaia di anni fa,  voi forse non lo sapete ma la nostra è una valle magica, una Valle da Favola!

Per una Zucca da fiaba...


Il folletto Didarello era molto simpatico ed un gran lavoratore: coltivava l'orto, tagliava la legna che impilava in cataste molto ordinate, raccoglieva le erbe per fare infusi e liquori, riempiva il suo grande cesto di funghi porcini, cantarelli e mazze di tamburo. Di tutto quel ben di Dio teneva poco per sè, era molto generoso e ne regalava la maggior parte.
Tutti gli volevano bene, era un tipo di scorza rustica ma socievole, molto disponibile e lo invitavano sempre alle feste del bosco.
- Didarello vieni questa sera alla radura della Val Orgina? Facciamo la Festa dell'Autunno con la luna nuova, ci saranno tutti gli gnomi, tutti i folletti, i tre maghi, le cinque fate e le cinque streghe della Val Bregaglia. Ah...  ci saranno anche la regina delle fate Rosabella e la regina delle streghe Sofonisba, le regine di tutta la Valchiavenna!!
- Orpo fata Ranuncola, che festa grande!! Certo che vengo!! Porto qualcosa da mangiare eh?
Mentre tornava a casa il folletto Didarello pensava a quale buon piatto potesse portare alla festa, il tempo non era molto! Camminando pensieroso a testa bassa, scorse nascosti nel fogliame alcuni funghi cantarelli che canticchiavano:
- Oh Didarello raccoglici, raccoglici
  Oh Didarello mettici nel tuo cappello!!
Didarello non se la fece cantare due volte, si tolse il cappello e lo riempì di funghi giallini belli carnosi. Ma i funghi si moltiplicavano e plop plop plop... dal cappello cadevano in terra!
Didarello stese la sua giacca gridando:
- Basta, basta!! Ien asèe!! ( sono sufficienti)
Con quelle parole magiche nel linguaggio dei folletti del bosco riuscì a fermare la moltiplicazione dei funghi, li racchiuse tutti nella giacca e riprese la strada pensando a come cucinarli per la festa. Era ormai nei pressi di casa quando inciampò in qualcosa di grosso e per poco non andò a terra lungo e disteso.
Sentì una voce grassa e grossa che cantava:
- Oh Didarello prendimi, prendimi
  Oh Didarello mettimi nel tuo zainello!
Era la zucca più grande del suo orto che, rotolando rotolando, per magia era arrivata nel giardino di casa.
Il folletto prese anche la zucca  ed entrando in casa ebbe un'illuminazione:
- Ideona!! Per la festa preparo gli gnocchi di zucca con i funghi giallini! Sono sicuro che piaceranno a tutti!!
Felice e contento si mise il grembiule e cominciò a tagliare la zucca a pezzi e la fece cuocere in forno, mondò i funghi e li saltò in padella con il burro d'alpeggio che gli avevano regalato i folletti della montagna e con qualche rametto di segrisöla, un'erba profumata raccolta nel bosco.
Preparò l'impasto degli gnocchi, con il cucchiaio li calò nell'acqua bollente quindi li condì con il sugo di funghi. Soddisfatto del suo lavoro si incamminò verso la radura canticchiando con la tegliona piena di gnocchi fumanti tra le braccia. Fu accolto con entusiasmo dai suoi amici:
- Bravo Didarello!! Che bella idea hai avuto! Che bel colore hanno quegli gnocchi e anche i funghi! Hai fatto un piatto color del sole... no color delle foglie che cadono...
- Didarello vieni a farli vedere alla regina Sofonisba
Lui si precipitò verso la regina delle streghe e per la foga inciampò in un sasso, con raro equilibrismo riuscì a non far cadere la teglia ma dalla bocca gli uscì un:
- Merd@ alpina!!
- A me, la Regina delle Streghe, dai della merd@ alpina??!! - gridò inviperita Sofonisba lanciando strali dagli occhi - come ti permetti tu, piccola pulce di un folletto!!
Puntando la sua bacchetta nodosa verso la teglia disse:
- Voglio che questi funghi cantarelli si trasformino in funghi velenosissimi e neri!
E se ne andò tra uno sconquasso di tuoni, fulmini e saette seguita dal codazzo delle altre streghe.
Nella radura erano costernati e affranti e più di tutti lo era Didarello.
- Ma... ma... ma io non volevo offendere la regina... io dico merd@ alpina per non dire porco di qui... porco di là... e...  stavo per cadere e rovesciare gli gnocchi... e... e adesso??
- Adesso ci penso io - disse dolcemente Rosabella, la regina delle Fate, puntando la sua bacchetta splendente verso la teglia degli gnocchi
- Col Potere delle Stelle, col Potere della Luna, col Potere delle Fate sciolgo l'incantesimo velenifero della strega Sofonisba!!
Era un incantesimo talmente forte che la bacchetta magica si scaricò a due terzi del lavoro ed i funghi persero il veleno ma non il colore nero.
Li mangiarono ugualmente e fecero tanti complimenti al folletto Didarello, un cuoco davvero bravo!
Avanzarono solo questo piattino di

Gnocchi di zucca con trombette dei morti



Ingredienti per due persone:
per i funghi:
gr. 100 di trombette dei morti
gr. 10 di olio extravergine d’oliva
1 spicchio d’aglio
timo
sale e pesteda o pepe

per gli gnocchi:
300 gr di zucca cotta e passata
140 gr di farina 00
1 uovo
noce moscata
parmigiano grattugiato
12 gr burro
1 spicchio d’aglio
sale e pesteda o pepe

Preparazione:
per i funghi:

mondare i funghi togliendo la parte finale e lavare bene dal terriccio.
In una padella soffriggere lo spicchio d’aglio con l’olio, versarvi i funghi e farli cuocere per mezz’ora abbondante coperti regolando di sale e pepe ed aggiungendo alcune foglioline di timo.

per gli gnocchi:
pelare la zucca, pulirla dai semi, tagliarla a spicchi e metterla in forno caldo avvolta in carta stagnola. Una volta cotta, passarla al passaverdura (se fosse ancora un po' umida ripassarla ancora in forno o in un tegame finché è asciutta). Lasciar raffreddare e unire l'uovo, il sale, la farina, e una grattata di noce moscata. Si ottiene un composto omogeneo che con l'aiuto di un cucchiaio o di una tasca da pasticciere si fa cadere a pezzetti nell'acqua bollente salata. Quando gli gnocchi vengono a galla, sgocciolarli e condirli con il burro spumeggiante soffritto con lo spicchio d’aglio ed un paio di cucchiai di funghi. Cospargere di parmigiano se gradito




30 commenti:

  1. Ma quanto è divertente leggere le ricette scritte in questo modo!! E la magia a metà come quella di Harry Potter principiante ?
    Poco basta per farci sentire bambini di nuovo e ci si sta che è una meraviglia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero Marina! Mi è sempre piaciuto vedere un certo "lato magico" nelle cose, guardarle con occhi da bambini. Un abbraccio

      Elimina
  2. Quanto mi piacciono le fiabe con gli gnomi e le fate. Il mio Gnomo Peperoncino domina da anni la cucina dall'alto della cappa ... Didarello Didarello .... Complimenti per la favola e la ricetta!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara!! Mi sono ispirata proprio alla persona molto gentile e generosa che mi ha regalato la zucca.

      Elimina
  3. Questa favola è davvero molto carina e divertente!
    Bellissima l'idea di trasformare i funghi prima in velenosi e poi soltanto neri ma commestibili.
    Sicuramente buonissimi anche gli gnocchi :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio! Saranno i quarant'anni passati a raccontare favole ai miei bimbi della scuola dell'infanzia che mi hanno allenato.

      Elimina
  4. Bruna, sbaglio o ti preoccupavi? Sei stata bravissima. Ho davanti gli occhi Didarello!

    RispondiElimina
  5. "Oh Didarello raccoglici, raccoglici
    Oh Didarello mettici nel tuo cappello!!"
    oltre una favola e una ricetta ci ho visto anche una canzone!!!
    bellissimo post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti la canticchiavo a mo' di filastrocca mentre la scrivevo 😊 grazie!

      Elimina
  6. Bella idea racchiudere la ricetta nella favola! E' allegra e viene voglia di cucinare con Didarello!

    RispondiElimina
  7. Meno male che c'era la bacchetta magica :-)
    Bella ricetta gnocchi venuti molto bene un abbinamento con i funghi molto riuscito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Günther, sono contenta che ti piaccia!

      Elimina
  8. Non avevo mai sentito parlare delle trombette dei morti e poi così interessante un bel piatto e una bella storia

    RispondiElimina
  9. Ti ringrazio cara! Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. ecco perchè sono neri quei funghi!! Didarello, Didarello stai un po' più attento la prossima volta! Bruna, bellissimo il tuo mescolare posti e storia reale a personaggi di fantasia! E cosa non darei per assaggiare quei funghi e quegli gnocchi!

    RispondiElimina
  11. Mi sono fatta delle belle risate. All'imprecazione mi sono ribaltata: certo che la strega Sofonisba non ha un gran senso dell'umorismo.
    Meno male che Didarello è adorabile e cucina in maniera impeccabile. Conosco le trombette dei morti ma non avrei mai pensato di usarle così. Mi sembra un piatto davvero appetitoso.
    Cara Bruna grazie per questa tua favola gastronomica divertente e piena di luoghi che mi piacerebbe visitare.
    Un bel bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono ispirata ad un amico in carne ed ossa e l'imprecazione è proprio sua, l'ha inventata lui! Ho mescolato fantasia e realtà come spesso succede anche nella vita reale. Grazie cara!

      Elimina
  12. Che bella storia, mi piace immaginare che nei nostri boschi folletti come Didarello e company esistano davvero :)
    Grazie per la storia e per la ricetta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta saperli vedere con gli occhi della fantasia! 😊Un abbraccio

      Elimina
  13. Che buone le trombette da morto, e se la zucca è buona, è un successo asssicurato.
    Bravissima Bruna
    Mandi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Rosetta! Buon fine settimana!!un abbraccio

      Elimina
  14. Divertente, fantasiosa, allegra, capace di valorizzare il fantastico e il terreno, terre immaginare e terre amate e vissute. I miei complimenti, Bruna, tu che temevi la riuscita del tutto, hai creato meraviglia! Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Francesca,mi commuovi.😘

      Elimina
  15. Quel piatto di gnocchi canta mangiami mangiami e vorrei proprio poterlo accontentare. Mi piace molto la tua favola ed è simpatica l’idea dei funghi che restano neri perché si è scaricata la bacchetta. Davvero simpatica

    RispondiElimina
  16. che spasso la tua fiaba!
    me la hai fatta vivere con il tuo racconto, bella ovviamente anche la ricetta, un abbraccio.

    RispondiElimina

Gli utenti anonimi si rendano palesi per favore.
Commenti anonimi se non firmati verranno rimossi.
Commenti con link verso siti non verificabili verranno rimossi
Commenti con link e commerce verranno rimossi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...