lunedì 26 novembre 2012

Scorzette d'arancia candite

Sono quelle che ho messo nel Plum cake all'arancia dietetico con olio e fruttosio  vi consiglio vivamente di prepararle perché sono buonissime e quelle non rotolate nello zucchero si conservano anche alcuni mesi in frigo tenute in vasi ermetici.
Le postò anni fa Numberone su Coquinaria ed io vi riporto la sua ricetta così come la scrisse lei.

Scorzette d'arancia candite


Vi mettola ricetta che faccio da anni,se non ricordo male di provenienza "Simili", si fanno con una certa rapidità e assomigliano un po' alle gelatine di frutta.
Si comincia con il taglio degli agrumi, che fa sì che un po' di polpa rimanga attaccata alla scorza.





Le scorzette,cos' tagliate,si mettono in una pentola,si coprono d'acqua fredda,e si mettono sul gas,fino ad ebollizione.Da questo momento,si lasciano 4/5 minuti



Dopodichè si scolano,si ricoprono nuovamente d'acqua fredda,si riportano sul gas fino a bollore,si attendono sempre 4/5' e si scolano nuovamente. Questa operazione viene fatta una terza volta (serve a far perdere l'amaro).


Intanto,in una teglia larga,si prepara uno sciroppo composto da 500 gr. d'acqua e 300 gr. di zucchero (per 3/4 arance) e vi si dispongono le scorzette,in un solo strato.


Si lasciano così a sobbollire,senza mai toccarle,per circa 1h e 1/2,finchè abbiano assorbito tutto lo sciroppo e siano diventate trasparenti.



























Alla fine,a fuoco spento,si tirano su una ad una ,con l'aiuto di due forchette o di una pinza,e si rotolano nello zucchero semolato


si lasciano poi asciugare su una gratella,anche 24 h.

Si possono anche non rotolare nello zucchero semolato, sono quelle che tagliate a pezzettini ho usato come canditi nel plum cake, molto più saporite  e profumate di quelle che si comperano.
Se si ha tempo e voglia si possono anche ricoprire di cioccolato fuso, diventano una cosa da sbelio, come dice la mia amica Pinella!

30 commenti:

  1. Bellissime queste scorzette d'arancia. Vien voglia di prepararle con il tuo (e di Numberone) metodo.Facendo la cotognata mi sono accorta di una cosa, ed e' un consiglio di cui, amichevolmente, ti metto a parte: secondo me, e' meglio conservare le scorze al naturale, senza rotolarle nello zucchero semolato, che tende ad essere ben presto assorbito e ad "impataccare". Preferisco compiere questa operazione solo al momento di offrirle agli ospiti, cosi' le scorzette avranno un aspetto impeccabile.
    Un abbraccio e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Eugenia!! In effetti quelle che ho messo nel vaso di vetro non erano rotolate nello zucchero e si sono mantenute discretamente considerando che le avevo preparate a gennaio, quindi 10 mesi fa...
      Quelle zuccherate sono finite in una serata con amici, quindi non si è posto nemmeno il problema della conservazione ...hahaah ahahahah :O))
      Un abbraccio cara e buona serata a te!

      Elimina
  2. A me quelle comprate non piacciono, ma queste sono fantastiche, mi piacciono tantissimo conservate nel barattolo di vetro. Complimenti e grazie per la ricetta.

    RispondiElimina
  3. Ah, Bruna, Bruna...che sbelio! Come faccio a resistere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pin Pin ... se tu che mi hai indotto in tentazione quando scrivesti che si sarebbero anche potute frullare e tenere la pasta in barattoli per dolcezze varie!!
      Baci baci

      Elimina
  4. Cara Bruna, queste scorze d'arancia sono una delle chiccherie più richieste dalla famiglia e dagli amici ogni natale.
    E nonostante le rifaccia da anni, ogni volta devo andarmi a ripassare il procedimento. Il tuo reportage è molto utile, lo metto nei preferitissimi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Marinariella mia!
      Un bacione

      Elimina
  5. Mi segno la ricetta perché sei sempre una garanzia! Avevo provato lo scorso inverno una ricetta trovata non mi ricordo dove, ma era stato un fallimento... mi ero proprio scoraggiata
    Un abbraccio
    Tiziana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per la fiducia, ma in effetti sono prorpio buone e non difficili da fare...
      Un abbraccio

      Elimina
  6. Buoneeeee mi segno anche io la ricetta, mi piacciono un sacco, ma non ho mai provato a farle...
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti avverto...una tira l'altra e danno dipendenza!! ;)
      Un baciotto

      Elimina
  7. mi piace il metodo di preparazione, appena arrivano quelle dei miei alberi le faccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che fortuna avere arance autoprodotte!! Hai tutta la mia sana invidia!

      Elimina
  8. gironzolando sul web sono arrivata qui da te e proprio oggi ho avuto in regalo un po' di aranze. vado subito a preparare queste scorzette caramellate. grazie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che belli questi gironzolamenti! Vedrai, creano dipendenza... ;O)

      Elimina
  9. Bruna, sto per tagliare le arance....poi ti faccio vedere... un bacio!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quasi finito Pasqua? Quante ne hai mangiate "per sentire bene come sono"? ;0)
      Un bacione

      Elimina
  10. Adoro le arance candite!!!!! Mi sembra di sentirne l'irresistibile profumino!!!!! Bacioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei stata tu a mettermi su questa dolce strada da quando me le hai fatte provare. ..Grazie! ! Bacione

      Elimina
  11. grazie x la ricetta , oggi mi sono dedicata alle scorzette ..... ho profumato tutta la casa , vorrei sapere una cosa bruna ma se le ricopro con il cioccolato quanto mi durano? ciao EDI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non saprei dirti di preciso, qui non sono durate molto, però fino a Natale penso che arrivino tranquillamente. Un bacione

      Elimina
  12. Le faceva mia suocera, che era un'ottima cuoca...purtroppo lei non c'è più e le scorzette ce le siamo scordate!
    Quanto al plum-cake, ne ho fatto uno la scorsa settimana: buono l'impasto, ma era quello di una normale torta: non aveva niente del plum-cake! Mi sa che ho usato una ricetta "farlocca"! Forse c'era troppo poco burro...
    Ti abbraccio, Bruna, salutami la mia Chiavenna ❤❤.ℒ ℴ ν ℯ

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiavenna salutata carissima Lella!!
      Un abbraccio ed un bacione

      Elimina
  13. aspetto che arrivi dalla Sicilia la mia agognata(per lo sciopero dei trasportatori non sono ancora partite) cassetta di arance e poi ci provo Bruna ! un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sto aspettando anch'io Chiara, ho una forte curiosità per i cedri, devo decidere cosa farci.
      Un bacione cara!

      Elimina
  14. Mi è piaciuta la ricetta)) Vorrei provare Grazie)

    RispondiElimina
  15. grazie per avere condiviso questa meraviglia di ricetta: nei giorni scorsi l'ho replicata e l'ho trovata eccezionale, soprattutto ricoperta dal cioccolato fondente. meglio di una cioccolateria. non è da tutti essere così generosi quando si ha a disposizione un sapere, specie oggidì. e ho fatto anche alcune marmellate "ferber style", sempre prese dal tuo sito. grande bruna! :)
    maria grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto contenta che le mie preparazioni ti piacciano!! Ho sempre amato condividere quanto so e prendere a piene mani il sapere degli altri, sia quando insegnavo che ora per tutti i miei hobby. Condivisione e collaborazione, è il mio modo di essere... Un abbraccio cara Maria Grazie e grazie!

      Elimina

Gli utenti anonimi si rendano palesi per favore.
Commenti anonimi se non firmati verranno rimossi.
Commenti con link verso siti non verificabili verranno rimossi
Commenti con link e commerce verranno rimossi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...